LA GASTRONOMIA

Tra i piatti simbolo di Scalea possiamo menzionare: le linguine al baccalà, gli spaghetti al ragù di tonno, i bucatini con il cavolfiore, le tagliatelle con i carciofi, i fusilli con la vrasciola, gli spaghetti con le alici, i fusilli lagane e ceci,  e la “pasta grattata” con pane raffermo e peperoncino piccante. Gustosi anche i secondi, tra cui spicca il baccalà fritto con i peperoni secchi, il pesce spada al limone, il gratin di alici, le frittelle di neonata, la pitta. Deliziose le ricette a base di pollo della tradizione contadina, affiancate da buone carni arrosto. Sulla tavola scaleota regna il pesce, che il mare offre in grande abbondanza e varietà. Cernie, spigole, sauri, alici, sarde e rosa marina sono quelli più pescati. Ma c’è di più, perché oltre al pesce la cucina di questo paese utilizza molto anche la carne. Soprattutto quella ovina e caprina, che proviene dagli allevamenti molto diffusi sul territorio comunale. Così non c’è da stupirsi se un primo piatto tipico sono i fusilli con la carne di capra, né se le massaie preparano ancora “i capucelle”, testine di agnello o capretto cucinate con la mollica di pane. Molto apprezzati infine anche “i pipi arrusculiati”, peperoni seccati al sole d’estate e poi soffritti durante l’inverno con salsiccia.

Per finire, “panicilli” e biscotti da intingere nel vino passito della casa, fatto con rare uve autoctone. Molto buoni sono anche i “Turdilli” e i “Chinuli”, dolci tipici scaleoti che vengono preparati come da tradizione a Natale.

I vini consigliati sono quello dolce caratteristico di Verbicaro, il vino della “Arenella” che deriva da uve che si impiantano nei terreni sabbiosi (si consiglia di consumarlo non stagionato), il vino di Buonvicino “Cerasuolo” chiamato così per il colore rossastro delle ciliegie e si può dire che è un vino talmente buono che può competere con i migliori vini del mondo. Come ottimo ammazza caffè si consiglia  il liquore o la crema di cedro.